Il sindaco GINO CANTO’ Informa i cittadini sulle ulteriori misure adottate con Dpcm dell' 8 marzo 2020

Data:
08 Marzo 2020
Immagine non trovata
 CITTA’ DI CEPAGATTI
MISURE DI CONTRASTO E CONTENIMENTO COVID19
Il sindaco GINO CANTO’
Informa
i cittadini sulle ulteriori misure adottate con Dpcm dell' 8 marzo 2020
- SONO SOSPESE LE MANIFESTAZIONI, GLI EVENTI E GLI SPETTACOLI DI QUALSIASI NATURA, IVI INCLUSI QUELLI CINEMATOGRAFICI E TEATRALI, SVOLTI IN OGNI LUOGO, SIA PUBBLICO SIA PRIVATO;
- SONO SOSPESE LE ATTIVITA' DI PUB, SCUOLE DI BALLO, SALE GIOCHI, SALE SCOMMESSE E SALE BINGO, DISCOTECHE E LOCALI ASSIMILATI, CON SANZIONE DELLA SOSPENSIONE DELL'ATTIVITA' IN CASO DI VIOLAZIONE;
- SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' DI RISTORAZIONE E BAR, CON OBBLIGO, A CARICO DEL GESTORE, DI FAR RISPETTARE LA DISTANZA DI SICUREZZA INTERPERSONALE DI ALMENO UN METRO, CON SANZIONE DELLA SOSPENSIONE DELL'ATTIVITA' IN CASO DI VIOLAZIONE;
- E' FORTEMENTE RACCOMANDATO PRESSO GLI ESERCIZI COMMERCIALI DIVERSI DA QUELLI DEL PUNTO PRECEDENTE, ALL'APERTO E AL CHIUSO, CHE IL GESTORE GARANTISCA L'ADOZIONE DI MISURE ORGANIZZATIVE TALI DA CONSENTIRE UN ACCESSO AI PREDETTI LUOGHI CON MODALITA' CONTINGENTATE O COMUNQUE IDONEE AD EVITARE ASSEMBRAMENTI DI PERSONE, NEL RISPETTO DELLA DISTANZA DI SICUREZZA INTERPERSONALE DI ALMENO UN METRO TRA I VISITATORI;
- L'APERTURA DEI LUOGHI DI CULTO E' CONDIZIONATA ALL'ADOZIONE DI MISURE ORGANIZZATIVE TALI DA EVITARE ASSEMBRAMENTI DI PERSONE, TENENDO CONTO DELLE DIMENSIONI E DELLE CARATTERISTICHE DEI LUOGHI, E TALI DA GARANTIRE AI FREQUENTATORI LA POSSIBILITA' DI RISPETTARE LA DISTANZA TRA LORO DI ALMENO UN METRO. SONO SOSPESE LE CERIMONIE CIVILI E RELIGIOSE, IVI COMPRESE QUELLE FUNEBRI;
      
- sono sospesi eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; resta comunque consentito, lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all’aperto ovvero all’interno di palestre, piscine e centri sportivi di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro fino al 3 aprile 2020;
- DIVIETO ASSOLUTO DI MOBILITA' DALLA PROPRIA ABITAZIONE O DIMORA PER I SOGGETTI SOTTOPOSTI ALLA MISURA DELLA QUARANTENA OVVERO RISULTATI POSITIVI AL VIRUS;
- AI SOGGETTI CON SINTOMATOLOGIA DA INFEZIONE RESPIRATORIA E FEBBRE (MAGGIORE DI 37,50 C) E' FORTEMENTE RACCOMANDATO DI RIMANERE PRESSO IL PROPRIO DOMICILIO E DI LIMITARE AL MASSIMO I CONTATTI SOCIALI, CONTATTANDO IL PROPRIO MEDICO CURANTE;
- QUALORA SIA POSSIBILE, SI RACCOMANDA AI DATORI DI LAVORO DI FAVORIRE LA FRUIZIONE DI PERIODI DI CONGEDO ORDINARIO O DI FERIE;
- è fatta espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o persone affette da patologie croniche o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;
- SI RACCOMANDA DI LIMITARE, OVE POSSIBILE, GLI SPOSTAMENTI DELLE PERSONE FISICHE AI CASI STRETTAMENTE NECESSARI;
- chiunque, a partire dal quattordicesimo giorno antecedente la data di pubblicazione del decreto, abbia fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, deve comunicare tale circostanza al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio nonché al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta;

- TUTTI GLI ESERCIZI COMMERCIALI SUL TERRITORIO COMUNALE SONO TENUTI AD ESPORRE AL PUBBLICO LE “MISURE IGIENICO-SANITARIE RIPORTATE QUI DI SEGUITO :
a) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali di supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per le mani;
b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
c) evitare abbracci e strette di mano;
d) mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;
e) igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
f) evitare l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attività sportiva; g) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
h) coprirsi bocca e naso se si starnutiscce o tossisce;
i) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
l) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
m) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.
il testo intero del DPCM 8 MARZO è consultabile sul sito del GOVERNO e del COMUNE